Un kit per i nuovi bimbi nati a Cagliari: ok del Consiglio

Via libera alla proposta di Fabrizio Rodin, Pd: dal Comune una scatola con tutto il necessario per i primi mesi di vita del neonato, si potrà richiedere già dal quarto mese di gravidanza

Un corredo con il necessario per i primi mesi di vita dei bambini di Cagliari. La proposta presentata dal consigliere Fabrizio Rodin, presidente della commissione Politiche sociali, è stata approvata all’unanimità dal Consiglio comunale. In sostanza si tratta di una scatola, con all’interno il corredo utile per i primi mesi di vita dei neonati, ma l’obiettivo è anche quello di incentivare i controlli prenatali delle gestanti cagliaritane, con la collaborazione della Asl.

“Come emerge dall’Atlante demografico del 2013 – spiega il proponente Rodin, Pd – prosegue il trand negativo che vede da un lato diminuire la popolazione residente, e dall’altro aumentare l’età media dei cagliaritano. Per invertire questa tendenza è necessario che le politiche finalizzate ad incentivare le giovani coppie a scegliere Cagliari come residenza, siano per forza affiancate da strumenti e servizi di supporto alla genitorialità”.

il kit bebè potrà essere richiesto dal quarto mese di gravidanza: per riceverlo sarà necessario sottoporsi ad una visita prenatale presso una struttura medica. Un modello che segue quello della Finlandia, che sin dal 1949 mette la scatola a disposizione di tutte le donne incinte. “E’ uno dei paesi con uno dei tassi di mortalità  infantile più bassi del mondo – conclude Rodin – Nella città di Cagliari un dono simile consentirebbe a molte famiglie di potere avere il necessario per i primi mesi di vita dei figli, e, al tempo stesso, incrementerebbe le visite prenatali con evidenti vantaggi nell’ambito della prevenzione e della salute in generale”.


In questo articolo: