Uccide il marito a coltellate: soffriva da tempo di problemi psichici

L’uomo è stato aggredito all’alba di questa mattina mentre si trovava in camera da letto. La figlia della coppia di soli 5 anni è stata affidata ad alcuni familiari


Per le ultime notizie entra nel nostro canale Whatsapp

Tragedia familiare a Martinengo, in provincia di Bergamo. Una donna di 46 anni, Caryl Menghetti è accusata di aver ucciso a coltellate, colpendolo alla gola, suo marito Diego Rota, operaio di 56 anni. L’uomo è stato aggredito all’alba di questa mattina mentre si trovava in camera da letto. La figlia della coppia di soli 5 anni è stata affidata ad alcuni familiari. La procura di Bergamo, dopo alcune ore di indagini, ha deciso per l’arresto della 46enne. Secondo quanto trapelato al momento, la Menghetti soffriva da anni di problemi psichici ed era stata anche sottoposta a a un trattamento sanitario obbligatorio. La situazione già fragile e precaria della donna sarebbe stata aggravata da recenti problemi lavorativi e personali, che non sembrano però riguardare il suo rapporto con la vittima. 


In questo articolo: