“Tuvixeddu, ecco a voi il parco delle bugie dell’assessore Paolo Frau”

La denuncia di Francesco Accardo: “Tuvixeddu, il parco delle bugie della giunta Zedda. Niente parco ai cagliaritani, spesi 170mila euro per un lavoro inutile. Dopo altri 80 milioni di euro di soldi pubblici che la Regione ha dovuto restituire a un privato”

“Tuvixeddu, il parco delle bugie dell’assessore Paolo Frau”. La lista Cambiavento va all’attacco e denuncia l’immobilismo del Comune sulla questione Tuvixeddu: “Oggi ho letto le dichiarazioni dell’assessore all’urbanistica sul progetto di riqualificazione da 170mila euro per “raddoppiare il parco di Tuvixeddu”- scrive in una nota Francesco Accardo- ma ho una notizia: il doppio di ZERO è comunque ZERO infatti non esiste alcun parco a Tuvixeddu, ma solo una strada di cemento che taglia in pieno l’area archeologica.

Nell’immagine che sta sapientemente girando su internet si indicano come fruibili aree che sono invece recintate e interdette perché non sono nella disponibilità del Comune. E si indicano altre aree come presto disponibili, ma sono invece zone che sono e che saranno completamente chiuse per motivi di tutela.

Ho voluto rappresentare la zona ora disponibile (in bianco) e quella “presto a disposizione delle Cagliaritane e dei Cagliaritani” (in azzurro) nella prima foto, mentre nella seconda foto l’area che sarebbe dovuta diventare parco ormai dieci anni fa (in verde), con l’opposizione di queste stesse persone che ora ci governano.

Ho anche allegato la foto-bugia che sta girando sul web giusto per un confronto rapido delle aree. Adesso pagheremo 170mila euro per un lavoro inutile. Per una strada in mezzo a un’area archeologica totalmente abbandonata e non pubblicizzata. Mentre la Regione ha dovuto corrispondere 80 milioni di euro per un danno oggettivo a un privato, il Comune si ostina a intraprendere iniziative spot in piena campagna elettorale per modificare irreversibilmente un’area sensibile che, senza la validazione dell’accordo di programma, non è del Comune e che potrebbe costarci altri 80 milioni di euro di danni”. 


In questo articolo: