Turisti cafoni in Sardegna: “Buttano i lettini sui bagnanti a Pittulongu e insultano la nostra isola”

Tensione nella spiaggia preferita dagli olbiesi, in pieno primo pomeriggio: “Una ciurma di ragazzi e donne anziane, tutti turisti, hanno occupato troppo spazio per prendere sole. È arrivato il bagnino e una di loro ha detto ‘sono quei rompic… dei sardi’. Per poco non li linciavano tutti”. IL VIDEO


Per le ultime notizie entra nel nostro canale Whatsapp

Troppo poco spazio da occupare e lettini praticamente “buttati” negli spazi occupati già da altri bagnanti. Più offese gratuite a un’intero popolo, quello sardo. Si sono vissuti lunghi minuti di tensione sulla spiaggia di Pittulongu, a Olbia, domenica scorsa. A raccontare cosa sia capitato, inviando anche un video, è un nostro lettore, presente nel litorale preferito dagli olbiesi. Ecco, di seguito, il suo racconto: “Sono arrivato con i miei figli a Pittulongu alle 14, davanti a noi c’erano due metri di distanza tra un ombrellone e un altro. Sono arrivati dei turisti e hanno messo il loro ombrellone vicino al nostro, più due lettini per prendere il sole. Alle 17 una ciurma di donne anziane e di ragazzi, almeno una quarantina di persone, si sono messi davanti all’ombrellone iniziando a buttare i loro lettini sugli altri bagnanti. A quell’ora la spiaggia era piena, ma volevano prendere sole. È arrivato il bagnino che ha chiesto, cortesemente, di non disturbare chi c’era già e di mettersi da un’altra parte”. A quel punto, una delle turiste avrebbe sbottato e chiesto “che problema c’è?”. Il bagnino le ha risposto per ben due volte “sei in Sardegna, stai attenta”.
Per tutta risposta, la donna è ricorsa agli insulti: “Ah, sono quei rompic… dei sardi”. Parole che hanno sentito anche i bagnanti, sardi, presenti in zona: “Per poco non li linciavano. Deve ringraziare il fatto di essere donna, prima che se ne andassero gli abbiamo fatto raccogliere tutte le cicche che avevano messo sotto la sabbia. Tra l’altro, un continentale ha difeso i sardi, avvisando la signora che, se ci manchi di rispetto, ci arrabbiamo”.


In questo articolo: