Turismo, successo per gli infopoint nelle spiagge dell’isola

Trentamila contatti in meno di dieci giorni su 12 spiagge


Per le ultime notizie entra nel nostro canale Whatsapp

Circa 30 mila contatti in meno di dieci giorni (oltre 3 mila al giorno) ripartiti su 12 spiagge, migliaia brochure e guide informative distribuite in ciascuna di esse, unanime apprezzamento dei turisti (che avrebbero voluto che il servizio durasse molto di più) e interessamento di vari comuni per un’eventuale replica dell’iniziativa sul loro territorio. Sono alcuni dei sorprendenti e soddisfacenti risultati ottenuti dal servizio di ‘info point in spiaggia’ attivato dall’assessorato regionale del Turismo. Un servizio offerto, tra il 12 e il 20 agosto scorsi, da 48 ragazzi sardi in 12 lidi dell’Isola (Cala Giunco a Villasimius, La Caletta di Siniscola, La Cinta a San Teodoro, La Pelosa a Stintino, il litorale di Orosei, il lido di Orrì a Tortolì, Piscinas nel territorio di Arbus, Pittulongu a Olbia, Porto Pino a Sant’Anna Arresi, Lido di San Giovanni ad Alghero, Santa Margherita di Pula e Torregrande a Oristano).

DUE TERZI ITALIANI, UN TERZO STRANIERI. Come risulta dalle indagini dell’assessorato (sulla base di appositi questionari), durante l’originale iniziativa organizzata ad hoc per l’estate, i 48 giovani, muniti di tablet, hanno fornito informazioni e assistenza a decine di migliaia di turisti, per il 65% italiani (in gran parte provenienti dal centro – nord della Penisola), per il 35% stranieri, in particolare (in ordine decrescente) da francesi, spagnoli, tedeschi e inglesi. Le punte di stranieri ‘curiosi’ riguardo a notizie sulla Sardegna si sono registrate a Pula e ad Alghero (40%).

QUESITI FREQUENTI. Sempre in base all’indagine assessoriale, si è rilevato che i quesiti più frequenti, formulati in tutte le spiagge, hanno riguardato percorsi ed escursioni (in gommone e motonave, soprattutto, poi trekking, diving, bici ed escursioni in grotte); altre spiagge, altri siti ambientali e culturali, specie archeologici, monumenti vicini e paesi dell’entroterra da visitare (e come raggiungerli); calendari di eventi e sagre, strutture ricettive, punti vendita di artigianato locale, ristoranti, agriturismi e ittiturismi nella zona di soggiorno; gite in trenino verde (in Ogliastra), noleggio auto e barca, trasporti in genere e altri servizi di vario genere. Il materiale più  richiesto sono state le mappe stradali e delle spiagge, le guide di viaggio e il calendario delle sagre locali.

APPREZZAMENTO UNANIME. I turisti di tutte le provenienze ed età, che hanno contattato i giovani ‘informatori’, hanno espresso unanime plauso all’iniziativa e uno dei reclami più frequenti è stato che il servizio non fosse durato più a lungo, data la sua evidente utilità. Inoltre, venendo a conoscenza del progetto e dei suoi risvolti, alcuni amministratori di altre regioni, si sono informati sulle modalità per replicare il modello ‘a casa loro’: “Grazie ai ‘nostri’ ragazzi, che ringraziamo vivamente per l’efficiente operato, al pari delle collaborative amministrazioni comunali coinvolte – afferma l’assessore del Turismo Luigi Crisponi – l’informazione ha raggiunto direttamente i turisti nei punti più affollati e non sono stati loro a ricercare gli uffici di informazione, magari in orari spesso scomodi. Abbiamo ‘rovesciato’ il prezioso servizio degli info point tradizionali e, visti i riscontri elencati, abbiamo centrato in pieno l’obbiettivo di assicurare un servizio innovativo, informale, ‘giovane e fresco’, un ‘desk estivo in spiaggia’ che è stato utile per aiutare i turisti a orientarsi a 360° sul territorio isolano”.

SUGGERIMENTI. Tra i vari suggerimenti espressi dai turisti, come prevedibile, risultano l’abbattimento dei trasporti e il miglioramento dei collegamenti interni (frequenza dei trasporti pubblici, qualità delle strade e segnaletica delle località turistiche). Quanto alle richieste specifiche per la Regione, oltre al citato periodo di durata degli info point ‘itineranti’, i visitatori della Sardegna hanno ‘richiesto’ agli ‘informatori’ la possibilità di poter acquistare materiale (borse, cappellini, t-shirt e ombrelloni) e gadget con il logo colorato Sardegna e di avere aggiornamenti sull’applicazione SardegnaTurismo (attivata dall’assessorato). “I nostri stessi visitatori sono i primi ad affermare che la Sardegna è la patria dell’accoglienza e dell’ospitalità – conclude Crisponi – ecco perché, anche seguendo le loro indicazioni, cercheremo di assecondare, ove possibile, le loro richieste”.


In questo articolo: