Tragedia sfiorata a Piscinas: si tuffa nudo e viene trascinato dalle onde

A raccontare l’accaduto sono gli operatori del Salvamento Arbus Costa Verde SISB 2020 che ogni giorno, e per tutta la stagione balneare, si prodigano per garantire la sicurezza ai bagnanti.

Brutta disavventura per un incauto nuotatore questa mattina a Piscinas. Nonostante il divieto di balneazione a causa del forte maestrale, segnalato da giorni con le bandiere rosse disposte lungo il litorale, c’è chi non resiste al richiamo del mare e si tuffa lo stesso. 
Da due giorni è attiva una forte mareggiata sulla costa occidentale spinta dal maestrale e dalle correnti. 
Situazione dunque ancora precaria e di grande pericolo che  sconsiglia ogni tipo di contatto con il bagnasciuga.
A raccontare l’accaduto sono gli operatori del Salvamento Arbus Costa Verde SISB 2020 che ogni giorno, e per tutta la stagione balneare, si prodigano per garantire la sicurezza ai bagnanti.
“Stamattina abbiamo avuto il primo esempio di incoscienza, tipica del maschio italico, sedicente, nuotatore e bagnino pluridecorato, che all’altezza della zona naturista ha voluto provare un tuffo, così come la madre l’ha fatto, per poi essere trascinato tra le onde, andando in chiara difficoltà; è stato risputato sul bagnasciuga da un onda amica, senza che un nostro qualsiasi intervento avesse potuto avere un peso sulla vicenda, data la distanza notevole, e soprattutto dalle condizioni del mare che sarebbero state proibitive anche per noi, a meno che non supportati da mezzi aerei, anfibi o da sbarco.
Dunque  lo chiediamo cortesemente: state sulla spiaggia e godetevi il vento fresco ed il sole che anche oggi ci farà compagnia”.
Massima prudenza insomma, in particolare per i frequentatori della bellissima costa arburese che, in presenza di forte vento, può celare delle insidie particolarmente pericolose. 

In questo articolo: