Tomaso Locci sindaco di Monserrato per la terza volta: “Subito il primo discount, l’arena grandi eventi e lo svincolo della 554”

I cittadini l’hanno nuovamente premiato alle urne e sarà un’estate con tanti tagli di nastro, dall’Eurospin ai primi di luglio all’area per concerti e spettacoli: “Abbiamo vinto solo con le nostre forze contro campo largo e centro destra”, le prime parole, a caldo, di Locci, “non sono stati eletti tutti coloro che mi hanno contestato duramente”


Per le ultime notizie entra nel nostro canale Whatsapp

Monserrato – Tomaso Locci riparte da dove ha interrotto poche settimane fa: subito 4 inaugurazioni, dal discount Eurospin, che aprirà i battenti il 3 luglio, all’arena grandi eventi, il giardino delle scuole di via San Gavino e lo svincolo della 554. “Sono distrutto ma contentissimo, abbiamo vinto solo con le nostre forze contro il campo largo e il centro destra. Sono stati eletti i consiglieri uscenti e gli assessori, questo vuol dire che abbiamo lavorato bene”. Le prime parole del neo sindaco della città di Monserrato che, per la terza volta consecutiva, ricoprirà il ruolo istituzionale locale più importante sono rivolte ai cittadini che hanno permesso di proseguire il percorso politico intrapreso 10 anni fa. “Sono il sindaco più longevo di Monserrato, lascerò qualcosa di importante alla città. Ha vinto la nostra coalizione civica basata sui programmi per la città. È stata una campagna elettorale molto dura, ho ricevuto molti attacchi personali e mi auguro che cessi il clima d’odio che ha contrassegnato queste settimane”. La nuova giunta: “Sicuramente sarà formata da una parte politica e una tecnica come in passato, l’insediamento avverrà presto, tra circa tre giorni” spiega Locci. Parole di stima e apprezzamento rivolte a Raffaele Nonnoi, vicesindaco subentrato a metà dello scorso mandato: “È riuscito a unire il gruppo, un lavoro portato avanti con competenza ed estremo impegno”.

Il campo largo, dunque, fuori dai giochi, sarà tra i banchi dell’opposizione: quasi 200 sono stati i voti in meno che non hanno permesso a Valentina Picciau di diventare la prima sindaca della città, ma tanti son bastati per riconfermare Locci come primo cittadino. Il Consiglio comunale sarà composto da 12 consiglieri di maggioranza e 5 di minoranza: “Non sono stati eletti tutti coloro che mi hanno contestato duramente”. Domani sarà una giornata di “riposo”: l’analisi del voto e le ultime valutazioni per comporre la giunta daranno presto il via alla nuova amministrazione nel segno della continuità.