Tirrenia ferma rotte per Cagliari, Truzzu preoccupato: “Diritti mortificati sulla pelle dei cittadini”

Tirrenia ferma alcune rotte dal 1 dicembre da e per la Sardegna compresa Cagliari. “La continuità territoriale – dichiara con preoccupazione il sindaco Paolo Truzzu – deve essere garantita per tutti i cittadini sardi, tutti i giorni dell’anno. Non è una gentile concessione ma un diritto costituzionale spesso e volentieri mortificato da giochi sulla pelle dei normali cittadini”

Tirrenia ferma alcune rotte dal 1 dicembre da e per la Sardegna compresa Cagliari.  L’amministratore delegato di Tirrenia ha inviato una lettera al presidente della Regione Sardegna e a numerosi altri rappresentanti istituzionali comunicando l’interruzione, dal primo dicembre, di alcune rotte da e per la Sardegna e il conseguente taglio di posto di lavoro. La questione riguarda il prossimo rinnovo della convenzione sulla continuità territoriale. “La continuità territoriale – dichiara con preoccupazione il sindaco Paolo Truzzu – deve essere garantita per tutti i cittadini sardi, tutti i giorni dell’anno. Non è una gentile concessione ma un diritto costituzionale spesso e volentieri mortificato da giochi sulla pelle dei normali cittadini”.

“Ho saputo che la Tirrenia, con una lettera del proprio amministratore delegato, ha annunciato l’interruzione di alcuni collegamenti da e per la Sardegna. Non entro nel merito della questione  – sottolinea il primo cittadino – ma giudico inaccettabile che i cittadini sardi vengano praticamente sequestrati, a partire, come dice Tirrenia, dal primo dicembre. Auspico, nel frattempo che si compiano i passi circa il rinnovo della convenzione che garantisce la continuità territoriale, che venga confermata la sacrosanta possibilità a tutti i cittadini sardi di muoversi come e quando si vuole”, conclude Paolo Truzzu.


In questo articolo: