Teulada, al poligono si spara senza valutare gli effetti ambientali

Protesta del Gruppo di Intervento Giuridico

Nessuna verifica di incidenza ambientale nel poligono di Teulada. E’ la risposta data dal servizio impatti della regione Sardegna al Ministero dell’Ambiente e all’onlus Gruppo Giuridico di Intervento, i quali avevano richiesto alla regione se nell’area militare cagliaritana, fossero adottati gli opportuni provvedimenti per la salvaguardia dell’ambiente. In particolare veniva richiesto se esistesse la procedura V.INC.A (valutazione di incidenza ambientale) dei programmi di attività addestrative nei poligono di capo Teulada.

“Le attività addestrative militari, – scrive in una nota l’associazione ambientalista – sono certamente potenziali fattori di degrado ambientale delle aree naturali protette di Capo Teulada. L’area non  è quindi autorizzate sotto il profilo ambientale, dato che manca la procedura di V.INC.A. essenziale per minimizzarne gli impatti e introdurre misure di compensazione ambientale, come indicato anche dal codice dell’ordinamento militare”.

 Senza contare che capo Teulada, fa presente ancora il Gruppo di intervento Giuridico, sorge in un’area Sic ovvero sito di importanza comunitaria, appartenente alla rete natura 2000 che tutela le aree naturali rilevanti per la salvaguardia degli habitat e dell’avifauna selvatica.

E’ stata pertanto richiesta l’inibizione delle attività addestrative militari, in assenza di positiva conclusione della procedura di V.INC.A., e quindi passibile di procedura di infrazione per la violazione della normativa comunitaria in materia.


In questo articolo: