Terrecotte, ad Assemini il parco nel degrado: “Il sindaco intervenga”

L’appello del comitato civico asseminese

Era il mese di gennaio del 2015 quando il Sindaco di Assemini dichiarava pubblicamente di aver revocato la concessione al gestore del Parco delle “Terrecotte” e dell’annesso bar “Il Tempio”. Il tempo è passato, ma lo stato di degrado permane anche ora che la competenza è esclusivamente del Comune.  

«Finalmente riconsegneremo agli asseminesi il Parco degno di questo nome. Da troppi mesi provavo vergogna per le sue condizioni e spesso non sapevo cosa rispondere, perché era veramente imbarazzante che, a pochi metri dal palazzo comunale, ci fosse quel degrado e quello stato di abbandono». Questa la dichiarazione pubblica del Sindaco di Assemini, Mario Puddu, a cui fecero seguito impegni e promesse mai mantenute. Oggi, il parco è più sporco e più abbandonato di prima. Una vergogna tutta in capo all’amministrazione comunale che ne ha la competenza esclusiva. Oggi come allora, siamo costretti a recarci negli spazi verdi attrezzati dei comuni vicini. Questo per evitare incidenti nei giochi fatiscenti, di inciampare nei cumuli di immondizia disseminati e di perderci tra le erbacce. Nemmeno il bar è stato ancora assegnato.  

Il Comitato Civico ViviAssemini invita il Sindaco a concentrarsi in modo costruttivo nei suoi doveri, tralasciando la propaganda che con il passare del tempo si dimostra sempre più inconsistente. Inoltre, al fine di garantire la tutela della salute pubblica ed il patrimonio comunale, invita le forze politiche rappresentative del Consiglio comunale ad attivare ogni azione opportuna per rendere il parco delle Terrecotte pienamente e civilmente fruibile. 

 


In questo articolo: