Terrapieno, il comitato: “Alberi tagliati, dal Comune solo favole”

Parlano gli ambientalisti: “L’amministrazione ha agito in sordina e in realtà continua il taglio selvaggio”


Per le ultime notizie entra nel nostro canale Whatsapp

Continua la polemica sull’abbattimento degli alberi in viale Regina Elena, il comitato “Salviamo gli Alberi di Terrapieno” sul piede di guerra. “L’amministrazione ha agito in sordina – dicono –  e continua a tagliare gli alberi. Noi abbiamo il dovere di salvaguardare la vegetazione del nostro territorio”.

 “Spesso – scrive Andrea Olla, componente del comitato, in una nota – le favole ci piacciono perchè hanno un lieto fine ma, questa che ci hanno raccontato, non sa nè di favola nè di lieto fine. Già perchè l’espianto degli alberi, fosse anche solo uno, non è mai una bella operazione, a meno che non siano secchi. Questo cantiere, cittadini, è nato per ripristinare il muretto sottostante in seguito ad un cedimento. Come soluzione al problema, l’Amministrazione, ritiene che sia indispensabile l’abbattimento degli alberi posizionati lungo tutto il cantiere. Noi del “Comitato Salviamo gli Alberi di Terrapieno”, tecnici compresi, riteniamo invece che il muretto si possa e si debba ripristinare, ma, senza l’abbattimento degli alberi che meravigliosamente fanno da cornice a questo tratto di passeggiata, regalandoci un buon profumo di natura e aloni d’ombra che ci proteggono nelle ore calde e soleggiate. Purtroppo non ci è stato possibile preservare tutto, sono già stati uccisi cinque pini, in quanto, il cantiere è nato abbastanza in sordina, era sprovvisto persino del cartellone informativo di inizio lavori. Possiamo però salvare il resto della vegetazione, anzi noi del Comitato diciamo: dobbiamo salvare questi alberi ed essere sempre vigili sul nostro territorio anche in nome e nel rispetto di chi, prima di noi, si è prodigato per lasciarci qualcosa di bello e di buono. Questa passeggiata, ricordiamolo, è nata come passeggiata militare, e questi alberi sono testimoni storici importanti. Salviamoli, un albero è vita”.


In questo articolo: