Telenovela rimpasto, spunta di nuovo l’azzeramento della giunta Solinas

Dopo mesi in cui si è parlato di interventi rivoluzionari sull’esecutivo regionale, l’ipotesi al momento più probabile è che saranno semplicemente riempite le tre caselle rimaste vuote. Ma il presidente vuole comunque azzerare tutto per consentite ai nuovi assessori di nominare lo staff di fiducia


Per le ultime notizie entra nel nostro canale Whatsapp

Nel rimpasto telenovela della giunta Solinas, così viene chiamato nei corridoi di palazzo perché, annunciato un anno e mezzo fa, non è stato ancora portato a compimento, spunta di nuovo l’ipotesi azzeramento, forse già domani stesso. Ma i bene informati assicurano che non ci sono atti rivoluzionari in vista: il presidente si limiterà a riempire le tre caselle della giunta rimaste vuote – quella del Lavoro dopo l’addio di Alessandra Zedda, l’ultimo in ordine di tempo, quella dell’Ambiente per il passaggio di Gianni Lampis in parlamento e quella dei Trasporti per l’addio di Giorgio Todde – con tre esponenti degli stessi partiti degli ex, cioè Forza Italia, Fratelli d’Italia e Lega.

Tutto il resto, potenziamenti e depotenziamenti, innesti e sfrondature, sembrano destinati a rimanere un mero chiacchiericcio, di sicuro alimentato dagli annunci che si sono moltiplicati negli ultimi mesi ma sono stati tutti puntualmente disattesi.

Per la casella Trasporti il prescelto dovrebbe essere Pierluigi Saiu, della Lega come Todde, indicato subito dal Carroccio all’indomani delle dimissioni di settembre scorso. Per il Lavoro sono in corsa Ada Lai e Marco Tedde, ex sindaco di Alghero, entrambi in quota Forza Italia. Per l’Ambiente, in corsa ci sono il coordinatore provinciale di Cagliari Marco Porcu, il capo di gabinetto Emanuele Beccu e l’ex consigliere regionale Gianluigi Rubiu.

Due settimane fa, Solinas dopo l’incontro a Roma con Salvini aveva fatto sapere che il rimpasto era ormai questione di ore, rilanciando però la palla nel campo dei partiti.


In questo articolo: