Taxi a Cagliari: “Il servizio funziona, basta saper attendere”

La replica dei tassisti alla polemica sulla mancanza di taxi in città. Intanto continua la guerra ai noleggiatori abusivi in centro

“Aspettare dieci minuti per avere un taxi rientra nella norma, succede in tutti i settori. Basta avere la pazienza di richiamare e aspettare, soprattutto nelle ore notturne quando i mezzi a disposizione sono di meno”. I tassisti cagliaritani replicano dopo l’episodio di due giorni fa al Poetto: il gestore di un chiosco, su richiesta di un gruppo di turisti, ha chiamato più volte senza trovare nessun taxi disponibile. “Probabilmente erano tutti impegnati – spiega Ettore Crienti, della cooperativa ‘4 Mori’ – La notte ci sono più richieste e meno taxi in circolazione, ma il servizio funziona: basta saper attendere”. “Noi cerchiamo di soddisfare tutti – aggiunge il presidente della cooperativa, Claudio Loddo – ma, come capita nelle grandi città, la richiesta soprattutto d’estate è maggiore”.

Guerra agli abusivi. “Ormai i noleggiatori abusivi sono in aumento – continua Loddo – Abbiamo più volte denunciato la cosa e di recente chiesto l’intervento del prefetto, che ha disposto dei controlli. Il fenomeno si concentra in centro, in piazza Yenne e davanti alla stazione, e ultimamente anche al Poetto”. Tariffe troppo alte? “Non le facciamo noi ma il Comune – precisa Loddo – e sono ferme al 2006: in città si pagano 0,50 centesimi al chilometro, 1,30 fuori Cagliari . Non abbiamo chiesto l’aumento proprio per venire incontro ai clienti”.


In questo articolo: