sardegna / 22 Novembre 2021

I sogni spezzati di Roberto, morto di lavoro a 22 anni a Isili: il calcio e il gruppo folk le sue passioni di sempre

Un'intera comunità è sotto choc e piange il ragazzo amato e benvoluto da tutti. Il sindaco Loddo ha dichiarato il lutto cittadino, negozi tutti chiusi. Lo zio, suo allenatore di calcio: "Mi chiedeva di farlo giocare in attacco, non potrò più esaudire il suo desiderio". Cordoglio unanime dalla politica che chiede a Regione e Governo di potenziare gli interventi per la sicurezza

Di Sara Panarelli
il-diavolo-sulla-sella / 22 Novembre 2021

Roberto, morto sul lavoro a 21 anni a Isili: “Addio nipote, non potrò realizzare il tuo desiderio di farti giocare in attacco”

Era una promessa del calcio Roberto Usai, il 21enne di Villanova Tulo ucciso da un pezzo di macchinario che si è staccato mentre si trovava in un cantiere. La disperazione dello zio e allenatore, Gian Franco Demuro: "Sabato, dopo la partita, mi aveva detto che voleva giocare in attacco e non più come terzino: purtroppo non potrò accontentarlo. Giustizia? Sì, forse dopo: ora siamo tutti distrutti dal dolore"

Di Paolo Rapeanu
cagliari / 31 Dicembre 2019

Cagliari, la nuova vita di Roberto, clochard di via Dante: “Dopo 18 anni vivrò in una stanza tutta mia”

LA BELLA STORIA DI SAN SILVESTRO-Roberto Medas, ex panettiere di Dolianova, da tanti anni vive all'addiaccio in via Dante insieme al suo cane: "Da gennaio avrò finalmente un tetto. Mi hanno offerto di vivere in una struttura, ma gli orari erano troppo stringenti, io voglio essere libero. Quasi tutti i cagliaritani sono stati generosi con me". GUARDATE la VIDEO INTERVISTA

Di
sardegna / 17 Settembre 2019

Roberto, il sardo che dopo un incidente torna a vedere dall’alto i paesaggi che tanto amava

"D'altronde quando hai sempre vissuto immergendoti nella natura aspra e bellissima, camminando su e giù per i tuoi boschi, non è facile accettare che a 50 anni un batterio ti fa perdere l’uso delle gambe e ti inchioda su una sedia a rotelle.Emozionato ha detto ai piloti che tornare a rivedere i paesaggi che tanto ama e da una diversa prospettiva è stato uno dei regali più belli che potesse ricevere"

Di
hinterland / 5 Dicembre 2018

Una promessa fatta dieci anni fa, nel nome di Roberto: da domani si continua all’Hospice di Cagliari

"“Purtroppo è una lezione di vita, ti da la misura di quanto siamo fortunati a svegliarci tutte le mattine sani. Con questo progetto non abbiamo fatto andare via i ricordi, ma abbiamo avvicinato altri amici, dato altro amore, altro affetto, abbiamo iniziato a dare gioia e solidarietà"...la bellissima iniziativa di Giorgio Garau all'Hospice di Cagliari

Di