rubriche / 29 Maggio 2024

Neonato trovato morto a Villa San Giovanni: fermata la madre della 13enne

È stata fermata poco fa dai carabinieri la madre della 13enne, ricoverata in ospedale per setticemia post parto. Iscritta nel registro degli indagati, l’accusa sarebbe di omicidio. Stando ai primi accertamenti dell’autopsia sul corpo del piccolo, sembrerebbe che- oltre ad essere nato prematuro- fosse ancora vivo prima di essere abbandonato sugli scogli in uno zaino domenica scorsa

Di
sardegna / 20 Giugno 2022

Neonata morta in casa a Burgos, autopsia esclude violenze: è nata prematura

Secondo i primi risultati dell’esame che si è svolto al policlinico di Monserrato ed è durato circa tre ore, la piccola aveva alcuni organi non ancora adeguatamente sviluppati. Ma per avere tutte le risposte bisognerà aspettare l’esito degli esami istologici. Rinviato l'interrogatorio dei familiari indagati per abbandono di incapace

Di Sara Panarelli
apertura / 18 Giugno 2022

Neonata morta in casa a Burgos: indagati la madre, i nonni e la zia

L'ipotesi di reato è abbandono di incapace. La famiglia viveva in una situazione di forte degrado: i soccorritori ieri sera hanno trovato ancora tracce del parto avvenuto qualche giorno prima, sangue sulle lenzuola e sporcizia ovunque. Il padre della neonata vive a Budoni. Lunedì l'autopsia per capire cosa sia accaduto dal momento del parto a quello della richiesta di soccorsi. La gravidanza era stata tenuta nascosta e la bimba non ancora denunciata all'anagrafe

Di Sara Panarelli
hinterland / 18 Febbraio 2020

Sos dal carcere di Uta: “Una neonata di 4 mesi detenuta dietro le sbarre: rinchiusa da innocente”

“Una bimba di 4 mesi è detenuta nella sezione femminile della Casa Circondariale di Cagliari-Uta. La piccolina si trova in una cella-nido della struttura carceraria insieme alla giovane madre che deve scontare una pena definitiva. Ancora una volta una creatura di pochi mesi è costretta a subire da innocente la detenzione in assenza di spazi alternativi attrezzati. L’auspicio è che possa lasciare al più presto la cella”

Di