Super green pass, Truzzu contrario: “Espediente per spingere a vaccinarsi, perchè Draghi non ha reso il vaccino obbligatorio?”

Niente lavoro e stipendio, dal 15 ottobre, per chi non avrà la certificazione verde. Il sindaco di Cagliari: “C’è tanta gente costretta ad averlo per accedere ai luoghi di lavoro, il Governo non ha fatto una scelta responsabile: sono regole imposte mentre nella nostra città i dati del Covid continuano a migliorare”. GUARDATE la VIDEO INTERVISTA

L’aveva contestato quando era circoscritto a palestre e ristoranti, lo contesta anche oggi con l’estensione, dal 15 ottobre prossimo, a tutti i luoghi di lavoro. Il sindaco di Cagliari Paolo Truzzu è contrario al super green pass di Mario Draghi : “Il green pass è stato un espediente per spingere a vaccinarsi che ha già prodotto il suo risultato. Il Governo non ha fatto una scelta di responsabilità, cioè inserire l’obbligo vaccinale o rendere l’utilizzo del green pass obbligatorio per tutti. Le soluzioni che non sono nè carne nè pesce non aiutano nessuno, e questa sta già creando una platea di persone costrette ad avere il green pass per accedere ai luoghi di lavoro che è molto ampia. Perchè”, domanda Truzzu, “il Governo a questo punto non ha introdotto l’obbligo vaccinale?”. Per il primo cittadino cagliaritano, insomma, l’obbligatorietà della carta verde per poter lavorare null’altro sarebbe che una, nemmeno troppo mascherata, spinta alle vaccinazioni.
“Sono regole imposte, proprio mentre in città i numeri stanno migliorando. In città abbiamo un calo dei positivi, nell’ultimo mese, del cinquanta per cento, dovuto anche al fatto che tanti giovanissimi, ad agosto, si sono vaccinati”. Ora c’è il super green pass, valido sino almeno a Capodanno. E poi? “E poi la speranza è che si possa tornare a circolare liberamente e dimenticarsi di questo brutto periodo, la gente deve poter lavorare serenamente e avere una vita sociale senza la necessità di mascherine e altre regole”.


In questo articolo: