Sulla Sella del Diavolo spunta una nuova strana croce in metallo

Ai più attenti non sarà certo passata inosservata, ad esempio agli amanti della città del sole. Parliamo della grande croce di metallo che fa bella mostra di se sul promontorio del Colle di Sant’Elia

Ai più attenti non sarà certo passata inosservata, ad esempio agli amanti della città del sole. Parliamo della grande croce di metallo che fa bella mostra di se sul promontorio del Colle di Sant’Elia, visibile in alto, sulla cima della collina, nel costone roccioso posto al di sopra del parcheggio sterrato di Marina piccola.

Quanti, stando con il naso all’insù guarderanno sulla cresta della collina, scorgeranno la grande croce proprio davanti alle terrazze panoramiche della zona militare. Già, ma perché una croce?

Sicuramente ad averla installata sono stati i militari, dato che la stessa sorge all’interno della zona militare recintata, la vecchia area della POL-NATO con i cartelli che avvisano: limite invalicabile. 

Sorge di sicuro in segno di fede Cristiana offrendo un segno e simbolo di fede tra il Golfo detto “degli angeli” e la monumentale Sella del Diavolo. 

Ancora pochi anni fa, peraltro, sulla cima della Sella era visibile una grande croce di ferro che divenne un ammasso informe di ruggine e che in una notte tempestosa, si sbricioló. 

Ora la Sella ha nuovamente la sua croce e la sua benedizione, così Cagliari, in un certo senso, che continua a muoversi e a crescere sotto la benedizione della sua sentinella che veglia dall’alto, come una muta  sentinella che osserva tutto e tutti. 


In questo articolo: