Su Zaffaranu, il Grand Prix delle buche ad Assemini: nuova protesta

Non sono bastate le raccolte di firme per convincere il Comune di Assemini a risolvere l’emergenza, nuovo appello del comitato 


Per le ultime notizie entra nel nostro canale Whatsapp

Marciapiedi e strade trasformate in percorsi tortuosi. Buche ovunque oramai trasformate in voragini. Questa è la situazione della via Paolo VI, in località “Su Zaffaranu”. Più volte, i cittadini, hanno denunciato al Comune il loro disagio ed in particolare per i portatori di handicap. Il Comitato Civico ViviAssemini, interessato del problema, chiede alla nuova giunta di intervenire al più presto.  

Nel mese di aprile dello scorso anno ben 87 famiglie hanno sottoscritto una “petizione” per chiedere un intervento di ripristino del manto stradale e dei marciapiedi. Petizione che è stata regolarmente protocollata nel mese di aprile del 2013. Da allora nessuna risposta concreta a parte la riparazione di qualche metro di marciapiede. Nel frattempo il Comune ha continuato a sborsare fior di quattrini per gli incidenti causati proprio dalle condizioni disastrose della viabilità. Sospensioni danneggiate, coppe dell’olio filate, pneumatici resi inutilizzabili a causa delle lesioni originate dalla irregolarità delle strade. Inoltre, le mamme non sono libere di uscire da casa a piedi per fare la spesa perché bastano poche gocce d’acqua per trasformare ciò che rimane dei marciapiedi in un vero e proprio pantano. Gli alberi non curati e le erbacce dovunque aggravano i pericoli, costringendo i passanti a rischiosi slalom. Adesso le 87 famiglie, attraverso il Comitato ViviAssemini, lanciano nuovamente l’appello alla nuova Giunta e sperano che il loro quartiere possa uscire dal degrado e diventare finalmente vivibile.


In questo articolo: