Su Stangioni congelato, il Comune: lo stop è arrivato dalla Regione

Polemica in consiglio comunale sul nuovo quartiere. L’assessore Frau: la Regione chiede che il piano venga attuato soltanto se collegato da trasporti adeguati. L’opposizione: interpretazione sbagliata


Per le ultime notizie entra nel nostro canale Whatsapp

Su Stangioni “congelato”, il Comune ora scarica sulla Regione le responsabilità del no al quartiere eco sostenibile. Rispondendo all’interrogazione di Alessio Mereu dei Riformatori, l’assessore all’Urbanistica Paolo Frau ha chiarito risvolti inediti della vicenda: “La Regione ha recentemente risposto a una nostra richiesta di chiarimenti- ha detto Frau- affermando che il piano attuativo di Su Stangioni potrebbe essere approvato dal nostro consiglio comunale soltanto se la lottizzazione ricadesse in aree contigue e integrate in termini di infrastrutture con l’ambito urbano. Questo nell’ambito del processo di adeguamento del Puc al Ppr, sul quale esistono regole rigide da rispettare. Stiamo dunque valutando attentamente questi requisiti prima diprendere una decisione”.

Mereu ha risposto parlando di “situazione imbarazzante”. “Spetta al Comune decidere e non alla Regione- ha ribadito Mereu- io ho letto benissimo la lettera della Regione e non ha assolutamente espresso un parere negativo al progetto di Su Stangioni. Sarebbe come dire che la Motorizzazione Civile non si poteva realizzare ai bordi della 554 perché in quel punto non ci sono trasporti pubblici. Evidentemente siamo davanti a interpretazioni diverse, ma a dover prendere una decisione finale sono le stesse persone che a suo tempo approvarono piani di zona e tutto l’iter di Su Stangioni, anche quelli che prima erano all’opposizione e ora sono in maggioranza”. Un chiaro riferimento al sindaco Zedda, che sul tema oggi in consiglio comunale ha preferito il silenzio.