Stupro di due studentesse a Firenze: l’avvocato cagliaritano Carta rinuncia alla difesa del carabiniere

Con un post su facebook l’avvocato cagliaritano Giorgio Carta, annuncia di rinunciare alla difesa di uno dei carabinieri accusati dello stupro delle due studentesse americane a Firenze

“Ho rinunciato all’incarico difensivo del carabiniere accusato di stupro a Firenze. Nulla da aggiungere né da spiegare, soprattutto a chi si cimenterà invano nel chiedermi indiscrezioni o esclusive in privato. Quindi rispettate il mio riserbo (e la mia stanchezza) e guardiamo avanti.” Con queste poche, ma chiarissime parole, dal proprio profilo Facebook, l’avvocato cagliaritano Giorgio Carta, annuncia di rinunciare all’incarico della difesa di Pietro Costa.

La vicenda risale alla notte tra il 6 e 7 settembre del 2017, le  due studentesse americane, di 19 e 20 anni, avevano accusato Marco Camuffo (già condannato col rito abbreviato a 4 anni e 8 mesi di carcere) e  il suo collega Pietro Costa di averle violentate nell’androne del loro palazzo e nella loro casa, dopo averle accompagnate dalla discoteca.  Il processo a Costa inizierà nel mese di maggio 2019, ma non sarà dunque difeso dall’avvocato Carta. Entrambi, sono stati espulsi dall’arma. (f.m)