Stevelli e l’assessore Chessa in tandem: “Con lo sport vince Quartu”

Per l’Assessore Chessa “la Sardegna per riprendere la scena internazionale deve puntare sui grandi eventi non solo sportivi ma anche identitari, superare la carenza delle strutture, rilanciare tutto il settore. Nella prossima finanziaria ci sarà un piano straordinario degli investimenti e Quartu avrà una attenzione particolare”

Stamattina al Golf Club di Quartu Christian Stevelli ha incontrato le associazioni culturali e sportive quartesi con Gianni Chessa, Assessore regionale del Turismo, Artigianato e Commercio e Renato Serra direttore regionale dell’Ass. alla Pubblica Istruzione.

Per Stevelli “investire nello sport significa investire nell’educazione, nella salute e nella cultura dei giovani e della società civile. Lo sport, l’arte, l’educazione e la cultura sono parti di un corpo unico, la Città, e non sono meno vitali dei servizi sociali: un modello di welfare inteso come benessere della persona e convivenza armoniosa in una comunità. È in questo contesto che sport e cultura” prosegue Stevelli “vanno riposizionati al centro della vita pubblica e del dibattito politico con l’obiettivo di far riconoscere intorno a un progetto di comunità gli attori dell’intero sistema culturale e sportivo quartese con le articolazioni dirette dell’amministrazione comunale. Bisogna favorire sempre di più una partnership pubblico-privata per la cogestione degli impianti, in modo da liberare risorse pubbliche e far crescere imprenditori e società sportive”. Per l’Assessore Chessa “la Sardegna per riprendere la scena internazionale deve puntare sui grandi eventi non solo sportivi ma anche identitari, superare la carenza delle strutture, rilanciare tutto il settore. Nella prossima finanziaria ci sarà un piano straordinario degli investimenti e Quartu avrà una attenzione particolare” per Chessa “Sciampitta deve essere riportato dentro la città, farla vivere, connettersi con le attività produttive, così come non dobbiamo dimenticare i nuovi sport”. Renato Serra ricorda “le grandi possibilità che si apriranno con i fondi europei e con la Sardegna che rientra nell’obiettivo uno, che non deve trovarci impreparati, Quartu deve essere pronta sfruttando anche la legge 17 con i progetti immediatamente cantierabili per diventare una vera città dello sport”.


In questo articolo: