Stefano Porcu nel mirino di un hacker: “Dati rubati, poi il ricatto”

Blitz di un hacker nel pc di Stefano Porcu, il fisioterapista cagliaritano e tecnico della Nazionale di canoa: “Mentre ero in Brasile un hacker mi ha chiesto l’amicizia, ha rubato i miei filmati e poi ha tentato di estorcere denaro a me e ai miei figli”

“Non è uno scherzo”. Attacca così Stefano Porcu, fisioterapista cagliaritano e tecnico della Nazionale di canoa disabili, nel denunciare il blitz di un hacker nel suo pc. Porcu si trovava a Rio in Brasile per i Mondiali di canoa quando è successo il fattaccio: “In questi giorni quando mi trovavo in Brasile- racconta- un hacker è riuscito a entrare nel mio computer chiedendomi l’amicizia ( si è finta grande appassionata di canoa ) prima da Messanger, poi su Facebook  e su Skype, per poi scaricare un programma col quale mi ha sottratto immagini filmati e dati importanti. Per poi contattarmi e cercare di estorcere del danaro minacciandomi di rendere pubblico tutto il contenuto.  Non accettate amicizie che riportino a me o a persone che abbiano la mia amicizia. Stanno tempestando anche i miei figli e i miei parenti. Mi hanno appena comunicato che per entrare mandano un video di qualcuno che conosci .. Ci clicchi sopra e mentre guardi ti frega alla grande. Con lo stesso sistema hanno clonato la carta di credito a una mia collega neozelandese”.


In questo articolo: