Spacciava ketamina a Roma e Bologna: arriva la condanna per un 33enne cagliaritano

L’indagine risale al 2011, dopo 7 anni arriva la condanna definitiva. Intanto il giovane aveva però cambiato vita, lavorando come barman e lasciandosi alle spalle quelle brutte esperienze

Spacciava ketamina (un potente anestetico per cavalli usato da molti giovani per sballarsi) nelle zone esclusive del centro di Roma e Bologna, ma è stato rintracciato dalla Squadra Mobile del gruppo Falchi nel suo domicilio a Quartu Sant’Elena. E’ finito così in manette Francesco Deidda, cagliaritano di 33 anni.

“Si tratta di un un’esecuzione di un’ordinanza per la carcerazione emessa dal Tribunale Ordinario di Roma, – spiegano gli agenti – in quanto divenuta definitiva la condanna della Corte Suprema che ha dichiarato l’inammissibilità del ricorso dell’imputato, condannato alla pena di 4 anni e 7 mesi di reclusione, e alle spese di 12.000.”

L’indagine,che risale al 2011, ha visto il coinvolgimento di più indagati ed è stata condotta dagli Uffici investigativi di Bologna e Roma per il traffico e lo spaccio di sostanze stupefacenti nelle discoteche.

L’uomo, che non si aspettava un ritorno processuale di questa vicenda, aveva già dato una svolta alla sua vita con un lavoro in qualità di barman che, scontata la pena, intende riprendere, chiudendo con le vecchie esperienze.