“Sostegno tagliato dell’80% alle mie figlie disabili a Quartu, tutti i politici si devono vergognare”

La rabbia di Giorgio Atzori, papà di due giovani del liceo Motzo di Quartu: “Hanno grosse difficoltà a seguire le lezioni. Perché Truzzu e i politici della Città Metropolitana, anziché diminuire le ore degli educatori per colpa del costo dell’elettricità alle stelle, non si tagliano gli stipendi? Siamo diventati così disumani?”


Per le ultime notizie entra nel nostro canale Whatsapp

Il taglio è corposo e molto ma molto penalizzante: “L’ottanta per cento in meno, me l’hanno appena comunicato le educatrici”. Giorgio Atzori, 48 anni, ha due figlie, entrambe minorenni e disabili, che frequentano il liceo Motzo di Quartu Sant’Elena. Sino all’anno scorso potevano contare su una copertura totale da parte dell’insegnante di sostegno e di una educatrice a testa. Dopo il taglio della Città Metropolitana, pari al trenta per cento delle ore, per loro sono iniziate le difficoltà: “Solo cinque ore alla settimana. Quando manca il prof di sostengo sono abbandonate in aula. Hanno tutte e due una disabilità intellettiva, la figura dell’educatore è fondamentale. Le lezioni non possono riuscire a seguirle senza avere accanto una figura predisposta all’aiuto e all’apprendimento”, osserva, infuriato, il padre. Che non le farà uscire prima dall’istituto: “Non posso per motivi di lavoro, dovranno restare in classe per tante ore senza nessun tipo di supporto”.
“È un taglio assurdo e vergognoso quello fatto dalla Città Metropolitana. Per colpa dell’aumento dell’energia ci passa chi soffre e vorrebbe avere una vita quanto più norme possibile, con il riconoscimento dei propri diritti. Perché il sindaco Paolo Truzzu e gli altri politici cagliaritani non si tagliano gli stipendi per contribuire alle spese e salvare gli educatori dei disabili? Siamo diventati davvero così disumani? Che vergogna”.


In questo articolo: