Sos per Grazia, la bambina malata di Sinnai: “Sussidi in ritardo”

Una mamma separata chiede aiuto per la bambina, che frequenta la quinta elementare ed è affetta da sindrome di Down: “Da due mesi niente fondi per assisterla”

di Tiziana Mori

Sinnai: una famiglia attende da due mesi i sussidi per la figlia disabile. Di seguito la sua storia, che come ci racconta la lettrice, si ripete periodicamente. La piccola Grazia, affetta da sindrome di down ha terminato la classe quinta, e la mamma, separata, fa salti mortali per garantire a lei e agli altri 2 figli minori una vita dignitosa e serena. Dopo tante ricerche la signora Elisabetta trova una ragazza competente e sensibile a cui affidare la minore in sua assenza, e la bimba rifiorisce e si integra molto bene a scuola. Ricordiamo che la piccola Grazia usufruisce dei fondi previsti nella Legge regionale n. 162/1998 “Finanziamenti per piani personalizzati a favore delle persone con grave disabilità”, art. 34 “Fondo per la non autosufficienza”, essendo stata dichiarata disabile al 100%. Peccato però che le famiglie come quella della piccola Grazia non abbiano fatto i conti con la burocrazia italiana, con la carenza di personale negli Assessorati comunali competenti, e con le ferie! E si, perchè, come ci riferisce la sigonora Elisabetta, il personale al Comune di Sinnai si trova sottodimensionato anche perchè siamo ad agosto, e ormai non si possono predisporre le pratiche come si dovrebbe; peccato però che per chi soffre di disabilità, non esistono di certo le ‘vacanze’, e le somme dovute invece, devono essere versate nei tempi previsti. In questo modo, la signora è pure in ritardo con i versamenti contrattuali a favore della collaboratrice, e potrebbe essere costretta a cercarne un’altra, creando non pochi disagi nei confronti della piccola Marzia con cui si è creato un legame speciale. Speriamo che il Comune di Sinnai, si adoperi affinchè la signora riceva quanto dovuto al più presto, ben prima che arrivi Ferragosto.


In questo articolo: