“Sono un cittadino cagliaritano, vi spiego perchè non voterò: è diventata una città di spritz e sushi”

La lettera aperta di un nostro lettore: “Dovrei votare per l’ennesima giunta che pedonalizza ovunque e che non fornisce degli autobus che abbiano orari ragionevoli di percorrenza di pochi km? Dovrei votare per una giunta che anno dopo anno, di qualsiasi colore politico, ha reso la città un dedalo di sensi unici pieni di immondizia con un sistema di raccolta gestito in maniera schizofrenica?”


Per le ultime notizie entra nel nostro canale Whatsapp

Sono un cittadino cagliaritano, ho vissuto fuori per dieci anni e, pur con tante riserve son sempre andato a votare. Quest’anno non lo farò. L’ho deciso di istinto, mentre cercavo parcheggio e mi sono reso conto che stavo girando da 40 minuti e che ne avrei impiegati altri 25 per raggiungere il locale dove dovevo andare. Per cosa poi? Andare in uno dei locali dei tanti ristoratori che non trovano personale prima per colpa del reddito di cittadinanza e poi, una volta abolito, per la pigrizia dei giovani? Perché dovrei votare per l’ennesima giunta che favorirà qualche consorzio edilizio o qualche proprietario di immobili di pregio in centro a scapito di chi deve vivere la città?

Dovrei votare per l’ennesima giunta che pedonalizza ovunque e che non fornisce degli autobus che abbiano orari ragionevoli di percorrenza di pochi km? Dovrei votare per una giunta che anno dopo anno, di qualsiasi colore politico, ha reso la città un dedalo di sensi unici pieni di immondizia con un sistema di raccolta gestito in maniera schizofrenica? Che poi, parliamoci chiaro, tutta sta differenziata poi la mandiamo all’inceneritore di Macchiareddu, mica viene trasformata. Dovrei votare per la giunta di una città che non ha nulla da offrire se non spritz e venditori di panini? A Londra avevo musei gratuiti, una metro carissima ma efficiente h24. A Roma c’era traffico, i bus e le metro iper affollate, ma bene o male riuscivo ad arrivare dall’eur a centocelle anche alle 5 del mattino. A Firenze si gira a piedi e ogni angolo della città è un’opera d’arte. A Sanremo c’è uno splendido mare anche in inverno ed eventi belli e interessanti. A Milano lo shopping, eventi e fiere e, se si ha fortuna, anche una vita mondana. Cosa offre Cagliari in concreto? Negozi cinesi e all you can eat, spritz da discount e turisti straccioni. Il sindaco prossimo venturo, chiunque sia, non avrà la mia complicità.

Giovanni Maria Loi


In questo articolo: