Solinas: “Via alle sagre e alle discoteche in Sardegna, ma solo all’aperto e col distanziamento”

Ecco l’ultima ordinanza del presidente Solinas: dal 15 luglio sono consentite sagre, fiere, feste di paese, all’aperto e alle attività in discoteca purché all’aperto e con la garanzia del distanziamento interpersonale e con divieto di assembramento

Via alle sagre e alle discoteche. Ecco l’ordinanza del presidente della giunta regionale Christian Solinas. Sono confermate tutte le attività già consentite con le precedenti ordinanza, che dovranno svolgersi nel pieno rispetto di quanto previsto dalle Linee Guida approvare dalla Conferenza delle Regioni e delle Province Autonome e allegate al DPCM del 14 luglio 2020.
Dal 15 luglio sono consentite sagre, fiere e feste di paese, all’aperto e purché sia sempre garantito il distanziamento interpersonale
Sempre dal 15 luglio sono consentite attività che abbiano luogo in discoteche e altri locali assimilabili all’intrattenimento, esclusivamente all’aperto, con divieto di assembramento e purché sia garantito il distanziamento interpersonale.
Tutti i viaggiatori in arrivo in Sardegna sono tenuti a registrarsi prima dell’imbarco compilando il modulo online (reperibile al seguente link Covid19 – Registrazione imbarco ) o mediante l’applicazione “Sardegna Sicura” disponibile negli app-store per sistemi operativi iOS e Android.
Ripristinata la programmazione ordinaria a pieno carico delle aziende di trasporto pubblico locale e consentita occupazione del 100% dei posti a sedere, così come previsto da carta di circolazione, a bordo di bus extraurbani, mezzi di trasporto ferroviario e metrotranviario e per i servizi di trasporto non di linea, compresi NCC e taxi.

Restano in piedi le stesse medesime disposizioni previste in precedenza per quanto riguarda il traffico merci e passeggeri sulla rotta Santa Teresa Gallura-Bonifacio e per l’arrivo di unità da diporto o altre unità non adibite al traffico passeggeri.


In questo articolo: