Siro Marrocu risponde alla Zuncheddu: “Volantino privo di firma”

Ecco la notadi Marrocu in risposta all’accusa rivolta da Sardigna libera

Nell’articolo di oggi su ” L’Unione Sarda” e su Castedduonline viene riportato la notizia della mia decisione di denunciare ai carabinieri un fatto gravissimo e delinquenziale .

Poichè nello stesso articolo si fa riferimento alla polemica per la diffusione di un anonimo volantino nel paese ritengo utile precisare che i due episodi non sono legati e più precisamente vorrei chiarire che :

Il sottoscritto si è recato in Caserma a denunciare un fatto di enorme gravità avvenuto la notte tra il 13/14 giugno nella località Villascema dove degli ” ignoti ” con una incursione notturna hanno tentato di boicottare la tradizionale Festa Democratica e solo grazie all’attenta vigilanza da parte di un nostro volontario si è evitato che si consumasse un reato ai danni del PD e un reato ambientale a danno del territorio.

Mai nel passato la polemica politica si era spinta ad un livello così di odio e di intolleranza. Sull’episodio sono in corso indagini dei carabinieri e speriamo che presto siano affidati alla Giustizia i responsabili. Non credo e non vorrei credere che l’episodio sia legato alla stupida e calunniosa polemica dell’opposizione comunale sulla Tari. Relativamente al volantino diffuso ho semplicemente segnalato che la diffusione di un volantino, per legge , non può avvenire privo di firma e di luogo di stampa ma i due episodi sono completamente slegati. la risposta al volantino l ‘ha data “L’Unione Sarda ” pubblicando la Tabella dei costi Tari nei comuni Capoluogo della Sardegna ( Villacidro la più bassa ) e smentisce categoricamente la campagna stampa promossa dall’opposizione comunale che invece di assumersi la diretta responsabilità di quanto scrive si nasconde dietro anonimi comitati che parlano a nome dei cittadini villacidresi .

I cittadini di Villacidro il loro parere sui vari Muscas ,Leo e Pittau lo hanno espresso con il voto a giugno del 2011 e mi dispiace per loro lo farà anche l’anno prossimo perché i cittadini sanno distinguere tra chi urla, insulta, insinua e offende senza avanzare mai una proposta vera e chi dedica il proprio tempo a tentare di risolvere i problemi reali del paese .