Simone e Nicola, da Belluno a Cagliari per Vasco Rossi: “Città sporca, dove sono i cestini per rifiuti?”

Cagliari? “Bella, però in via Roma e fuori dalla Fiera dove le buttiamo cartacce e bottiglie?”. La città vista da due fan del “Blasco”, Simone Balest e Nicola Pelli, residenti a Belluno: “Più cestini non fanno di certo male, sennò poi bisogna buttare tutto in terra. Per due notti in cuccetta nella nave di Vasco Rossi abbiamo pagato 190 euro a testa”. GUARDATE la VIDEO INTERVISTA

Dal Veneto alla Sardegna, da Belluno a Cagliari per assistere al concerto, “quello della prima serata”, di Vasco Rossi. Simone Balest, titolare di un negozio di elettrodomestici, ha 47 anni e Nicola Pelli, di un anno più grande, vende mobili. Sono sbarcati dalla nave “Rhapsody” griffata con il faccione di Vasco Rossi e partita da Genova. “Per due notti in cuccetta, con buoni per i pasti e le bevande, abbiamo pagato grazie allo sconto ‘fans club’ centonovanta euro a testa”. Hanno avuto poco tempo per visitare la città, “ripartiamo già oggi con l’aereo, abbiamo camminato per via Roma e per le strade del centro”, spiegano i due. E, oltre a notare negozietti etnici, ristoranti e ristorantini e chiese e monumenti, i loro occhi si sono posati anche sui rifiuti: “In via Roma ma soprattutto nell’area del concerto”, cioè nei pressi della Fiera, “un pò di pulizia in più non guasterebbe, mancano cestini per buttare bottiglie e bicchieri anzichè gettarli per terra”.

“È tutta questione di educazione della gente”, sottolineano i due, quasi a voler “graziare” la carenza di cestini per rifiuti in alcune aree del capoluogo sardo, “da noi a Belluno facciamo la raccolta porta a porta già da tempo e, dopo che è entrata a regime in due anni, adesso sembra che funzioni bene”.


In questo articolo: