Sicurezza, Polizia: “Cagliari non è più la città serena e tranquilla di un tempo”

Le parole di Luca Agati, del Sindacato Autonomo di Polizia: “Carenza di personale, criminalità sempre più violenta e spregiudicata. Cagliari non è più la città tranquilla di una volta”

“L’omicidio di Capoterra riaccende le luci sull’allarme sicurezza a Cagliari”.

A dirlo è Luca Agati, segretario provinciale del Sindacato Autonomo di Polizia.

“Il problema alla base sta nella carenza degli organici delle forze dell’ordine, lo ripetiamo da tempo, devono essere mandati più poliziotti a Cagliari e provincia poiché c’è un concreto mutamento delle dinamiche legate alla sicurezza. Siamo in periodo di campagna elettorale ed è ora che le forze politiche guardino con interesse e concretezza questa delicata tematica. Abbiamo uffici in grave deficienza ed un apparato che fatica a contrastare una criminalità sempre più violenta e spregiudicata, basti pensare al 30% di organico in meno di quanto previsto e la perdita di 120 poliziotti in sei anni, ci sono tratti di provincia completamente sguarniti dalla presenza di forze dell’ordine in virtù dei tagli lineari che hanno decapitato il sistema”.

“Questi episodi di violenza – conclude Agati – non possono rimanere celati dietro una cortina di silenzio e trattati come fatti di cronaca a sé stanti, il problema c’è e va affrontato con competenza e serietà, Cagliari non è più quella città serena e tranquilla di un tempo”.

 


In questo articolo: