Si torna a scuola il 14 settembre, fra tamponi e distanze di un metro: ecco le regole del governo

A scuola da metà settembre anche in Sardegna, con regole tutte nuove

Si torna a scuola il 14 settembre, fra tamponi e distanze di un metro: ecco le regole del governo. Nelle ultime ore è circolata una nuova bozza del Piano scuola 2020-2021 che, per quanto concerne le misure di distanziamento, fa riferimento ad una indicazione del Cts. In particolare si afferma che “il distanziamento fisico (inteso come 1 metro tra le rime buccali degli alunni) rimane un punto di primaria importanza nelle azioni di prevenzione”.

“Linee condivise nel risultato”, il primo commento di Stefano Bonaccini, governatore dell’Emilia-Romagna e presidente della Conferenza delle Regioni.  Soddisatta la Azzolina: “Lavoro complesso ma realizzato tutti insieme. Fatta buona politica per il bene della scuola. Risultato importante”, dice. E sottolinea: “Necessario il miliardo in più per la scuola che ho chiesto”.

No di De Luca. “Non daremo l’intesa, non diremo che siamo d’accordo con le misure che saranno prese”, ha affermato il governatore della Campania prima della conferenza, ribadendo la “nostra critica ferma al ministro dell’Istruzione per la quale i problemi della scuola sono diventati marginali rispetto alla politica politicante”, si legge nel nostro giornale partner Quotidiano.net.


In questo articolo: