Si aggiravano vicino all’ospedale con strumenti da scasso nel furgone: due denunce a Nuoro

Due stranieri, pluripregiudicati per reati contro il patrimonio, sono stati accompagnati in Questura e denunciati per il possesso di strumenti atti allo scasso

Nuoro, due “topi d’appartamento” denunciati dalla polizia.

Nella mattinata di ieri la Polizia di Stato nei pressi dell’Ospedale ha sorpreso due serbi, un uomo di sessantanove anni e una donna 46enne, di etnia rom che si aggiravano con fare sospetto. Alla vista della Volante i due hanno tentato di allontanarsi frettolosamente a piedi, ma sono stati fermati.

Alla richiesta di spiegazioni circa la loro presenza nei pressi del Nosocomio, hanno fornito risposte elusive e poco credibili: sarebbero giunti la mattina stessa dall’oristanese per acquistare medicinali. Sul posto sono quindi arrivate altre pattuglie e, in una via poco distante, è stato notato un furgone Fiat Scudo, di loro proprietà, all’interno del quale sono stati trovati dischi per mola per tagliare acciaio, punte di trapano, tronchesi e altri oggetti atti allo scasso.

I due stranieri, pluripregiudicati per reati contro il patrimonio, in particolare furti in appartamento, sono stati accompagnati in Questura, fotosegnalati e denunciati per il possesso di strumenti atti allo scasso. In considerazione del reato commesso, dei loro trascorsi penali e del fatto che non avevano alcun valido motivo per rimanere in città, sono stati emessi i  provvedimenti del Questore di  Foglio di Via Obbligatorio e contestuale divieto di ritorno nel comune di Nuoro per la durata di tre anni.


In questo articolo: