Sharon di Cagliari, 23enne già madre: “Mille euro per stare a casa con mia figlia? Magari”

Sharon Ambu ha una bambina di quattro anni: “Se non fosse per mia mamma non potrei nemmeno andare al lavoro, mi piacerebbe stare a casa con mia figlia per gestirla e portarla all’asilo. Però, dopo i primi otto anni, riuscirei a trovare di nuovo un’occupazione?”. GUARDATE la VIDEO INTERVISTA. Siete d’accordo?

Mille euro per fare la mamma a tempo pieno. Richiesta da inoltrare entro i quindici giorni successivi alla nascita del figlio o della figlia e lavoro – qualunque sia – da lasciare per ottenere il sussidio. La proposta del Partito della Famiglia con la Sardegna da apripista (presto la legge in Regione, così promettono Fortza Paris e Riformatori) piace a Sharon Ambu. Ha 23 anni e una figlia di quattro e lavora al mercato civico cagliaritano di San Benedetto: “Nella mia situazione accetterei, se non ci fosse mia madre non potrei permettermi nemmeno di venire a lavoro, è meglio prendere i soldi e gestire mia figlia, portandola di persona all’asilo”. L’iniziativa, se diventerà legge, non è però retroattiva: se una è già mamma, niente soldi: “Non farei mai un altro figlio per motivi economici, ma se dovesse arrivare accetterei i mille euro”.
Non c’è il rischio di un ritorno al passato, con le donne “confinate” dentro casa? “Ogni donna deve’essere indipendente, come nel mio caso, ma se una non ha un lavoro…”. E comunque, “mille euro è meno di quanto guadagno attualmente, dopo i primi otto anni poi dovrei cercarmi un nuovo lavoro per mangiare”.


In questo articolo: