Seulo, via al progetto per lo sviluppo del bosco: “In arrivo posti di lavoro”

Si chiama Padentis, il progetto di sviluppo ambientale contro lo spopolamento a Seulo. Il sindaco Murgia: “Porterà nuovi posti di lavoro”

Seulo, via al progetto per lo sviluppo del bosco: “In arrivo posti di lavoro”.

Padentis, il progetto di sviluppo ambientale contro lo spopolamento a Seulo. Il sindaco: “Porterà nuovi posti di lavoro” Si chiama Padentis, ovvero foreste, ed è un progetto innovativo e di sviluppo sostenibile che sarà presentato a Seulo il 29 settembre alle 18 nella sala Biblioteca di via San Pietro. A illustrare Padentis sarà il sindaco di Seulo, Enrico Murgia, a seguire l’intervento del consigliere comunale Consuelo Melis sulle analisi forestali, e infine la Lega Coop sull’incubazione di impresa. “Il progetto è rivoluzionario sul piano ambientale – ha detto il primo cittadino – ma avrà importanti ricadute anche sul piano lavorativo, creando nuovi posti di lavoro. L’obiettivo è riportare le nostre foreste a uno stato più naturale, tecnicamente si intende avere boschi a fustaia. Questo, tra le altre cose, ci consentirebbe di avere una maggiore fruibilità delle foreste e del territorio, un incremento della produzione di ghiande e altri frutti e, non da ultimo una migliore difesa dagli incendi. Ancora, il pascolo nelle superfici trattate e soggette a questo tipo di lavorazione sarà non solo consentito, ma anche sostenuto, e la legna tagliata, di qualità certificabile, verrà venduta in tutta l’isola e il ricavato investito sempre nel progetto di riqualificazione boschiva”. Un progetto per l’ambiente, il lavoro e la lotta allo spopolamento.

L’Amministrazione comunale ha pensato Padentis come un intervento per una superficie di 2000 ettari di boschi e foreste, che necessiterà dell’impiego di 4 o più cooperative. “Con un ritmo di lavorazione del territorio di circa 100 ettari all’anno – ha proseguito il sindaco – ci sarà lavoro dunque per 20 anni. Ma noi auspichiamo di raddoppiare il numero dei lavoratori e dimezzare i tempi: desideriamo che Padentis riporti in paese anche le persone recentemente emigrate. Si parla di spopolamento dei piccoli centri, e questa è una occasione concreta sia per evitare nuove partenze, ma anche per richiamare coloro che sono dovuti andare via e che desiderano ritornare a Seulo”. Il sindaco ha concluso ribadendo che “l’amministrazione comunale è convinta che questo progetto sia una chiave di volta per l’economia di tutto il paese, e sta investendo preziose energie, risorse e professionalità in questa sfida”.