“Da sette mesi aspetto una visita al Microcitemico per mio figlio affetto da ADHD”

L’ultima visita risale allo scorso 3 aprile, poi impossibile fissare un nuovo appuntamento per suo figlio affetto da disturbo da deficit di attenzione. Per la rubrica l’Angolo dei lettori l’odissea di una mamma cagliaritana Valentina Melis

La risposta, da sette mesi a questa parte per avere un appuntamento per una visita del figlio affetto da ADHD (disturbo da deficit dell’attenzione), è sempre la stessa “Le faremo sapere”. Questo quando riesce a mettersi in contatto, altrimenti il telefono squilla e nessuno risponde. E’ quanto racconta a Cagliari Online una mamma cagliaritana Valentina Melis, del grande disagio subito da lei e suo figlio di 15 anni.

“E’ seguito da ormai tre anni nel reparto di Neuropsichiatria infantile del Microcitemico, era sempre andato tutto bene fino al 3 aprile di quest’anno. Dall’ultimo appuntamento.  Allora gli era stato prescritto un farmaco che andava monitorato, – racconta Valentina – avrebbero dovuto richiamarci due settimane dopo per un controllo, ma nulla. Siccome non stava dando bene e non sono riuscita a mettermi in contatto con il medico, ho dovuto sospenderlo. Nonostante le mie mail, telefonate e mi sono anche presentata fisicamente in reparto, chiedendo un permesso dal lavoro. Ho aspetto tre ore ma non sono riuscita ad avere un appuntamento. Oltre a questo la scuola è iniziata da due mesi, e mi richiedono un certificato per aggiornare la relazione della situazione di mio figlio, ma se non riesco ad avere un appuntamento col medico non posso averla. Da sette mesi aspetto per un’assistenza di cui mio figlio ha diritto, non so più cosa devo fare.”