Sestu, perde il borsello con assegni e soldi: “Ritrovato grazie a un uomo dal cuore d’oro”

Due carnet di assegni, “uno era trasferibile” e i soldi del fondo smarriti nel tragitto dalla casa al minimarket. Gemiliano Pitzanti, negoziante 41enne, era già disperato: “Pensavo di averli persi per sempre. Poi, un cinquantenne si è presentato in negozio e me l’ha restituito: gli ho dato una ricca ricompensa”

Un borsello, con sopra stampigliato il logo della sua attività commerciale, con dentro “due carnet di assegni, uno era anche trasferibile” e “un po’ di soldi per il fondo cassa”. Un piccolo tesoretto, quello che Gemiliano Pitzanti, commerciante di Sestu di 41 anni, aveva smarrito stamattina. “Erano le 8:45, sono passato in via Cagliari per andare ad aprire il negozio in via Costituzione. Appena arrivato, mi sono reso conto che non avevo più il borsello. Sicuramente mi era scivolato dalla tasca”, racconta l’uomo. Che ha lanciato subito un appello sui social, per sperare di ritrovarlo. “Nel frattempo sono subito andato in banca, per bloccare tutti gli assegni”. L’idea di aver perso tutto era ormai diventata una certezza quando, mentre Pitzanti era indaffarato con i consulenti bancari, un uomo ha varcato la porta del suo minimarket: “C’era solo mia moglie. L’uomo, Gianluigi, si è avvicinato alla cassa e ha tirato fuori il borsello, restituendocelo”. La moglie ha subito telefonato a Gemiliano e lui, nel giro di pochi minuti, è tornato al minimarket.

 

“Ho ringraziato il signore, un cinquantenne, e gli ho dato anche una ricompensa. Lui all’inizio ha tentennato ma, alla fine, l’ha accettata. È giusto così”, afferma il commerciante. Che, su Facebook, ha postato una seconda foto mentre, felice, stringe tra le mani il borsello: “Non ci speravo ma anche questa volta l’onestà ha vinto sopra ogni cosa. L’ho già fatto di persona, ma vorrei ringraziare di cuore anche pubblicamente Gianluigi, che questa mattina ha ritrovato la sacca che avevo smarrito. Non ho parole, solo tanta riconoscenza per un gesto che, purtroppo, di questi tempi, non è da dare per scontato. Grazie infinite, davvero”.


In questo articolo: