Sestu, il vento gioca un brutto scherzo: il fumo del falò per San Sebastiano invade le case

Il fumo spinto dal vento crea molti disagi nella zona, il rogo domato dopo ore. Il presidente dell’associazione Is Mustaionis: “È la prima volta che capita un fatto simile in 17 anni, purtroppo siamo rimasti ‘vittime’ del maltempo”. GUARDATE le FOTO

I festeggiamenti in onore di San Sebastisno a Sestu, con il “classico” falò in via Piave, rischiano di trasformarsi in un’emergenza. A causa del fortissimo vento, infatti, il fumo ha invaso tutte le case nelle vicinanze del maxi rogo, acceso due giorni fa dall’associazione Is Mustaionis S’Orku Foresu dopo aver avuto in dono tantittima legna da parte dei cittadini. Stavolta, però, qualcosa è andato storto e, dopo circa ventisette ore, le fiamme sono state domate, a fatica, dai Vigili del Fuoco. Il presidente dell’associazione, Damiano Baldussi, spiega nel dettaglio cosa è successo: “Abbiamo ricevuto tantissimi tronchi di legno in offerta dai sestesi ma, a differenza degli anni scorsi, il maltempo ci ha giocato un brutto scherzo. Il fumo è arrivato sino ad alcune abitazioni e abbiamo provato, in un primo momento, a spegnere tutto utilizzandl la ruspa portata sino a via Piave da un nostro concittadino e utilizzando un’autobotte riempita con ottomila litri di acqua”. Purtroppo, le fiamme hanno continuato a divorare la legna, e a quel punto sono entrati in azione gli uomini del 115.

 

“I Vigili del Fuoco sono stati fondamentali, ma anche i barracelli capitanati da Antonio Fadda. Alla fine siamo riusciti a spegnere tutto”, racconta Baldussi. “Ringrazio anche la sindaca Paola Secci e l’assessore comunale del Turismo Matteo Taccori per la loro presenza e vicinanza”. Insomma, festeggiamenti “con sorpresa” per l’edizione 2020 della festa in onore di san Sebastiano: “Organizziamo il falò da diciassette anni, è la prima volta che capita un intoppo simile”.