Sessantaseienne trovata morta in mare a Quartu, nessun segno di violenza sul corpo

Il cadavere, notato da alcuni bagnanti e portato a riva dai carabinieri, già restituito ai parenti: esclusa la morte violenta

“Nessun maleficio”. È quanto emerso dall’esito delle verifiche svolte dal medico legale sul cadavere della donna quartese ritrovato, stamattina, nel mare del Poetto, davanti a un fast food. Il corpo, notato da alcuni bagnanti, è stato riportato a riva dai carabinieri, intervenuti sul posto insieme al 118. Il cuore della donna aveva già cessato di battere. La salma della 66enne è già stata restituita ai militari, al momento la pista più accreditata da parte delle Forze dell’ordine è quella del suicidio: la donna soffriva di crisi depressive.


In questo articolo: