Servizio civile all’estero, le Acli mettono a disposizione 34 posti

L’iniziativa è rivolta ai giovani tra i 18 e i 28 anni. Le domande entro il 4 novembre

Scadono venerdì 4 novembre i termini per la presentazione delle domande di partecipazione a uno dei due progetti per il Servizio civile nazionale all’estero organizzati dalle ACLI.

L’iniziativa è rivolta a tutti i ragazzi e le ragazze di età compresa fra i 18 e i 28 anni. I posti a disposizione, nell’ambito dei due progetti finanziati, sono 34 e riguardano le seguenti sedi: Albania (Scutari, 3 posti), Kosovo (Prizren, 3 posti), Kenya (Meru, 2 posti), Mozambico (Inhassoro, 2), Turchia (Istanbul, 2), Argentina (Buenos Aires, 2), Uruguay (Montevideo, 2), Brasile (San Paolo, 2), Australia (Melbourne, 2), Stati Uniti (New York, 2), Francia (Parigi, 2), Belgio (Bruxelles, 2), Olanda (Utrecht, 2) e Germania (Colonia, 2; Stoccarda, 2; Augusta, 2).

Coloro che parteciperanno al Servizio civile all’estero percepiranno un compenso mensile pari a 433,80 euro, cui si aggiungeranno 15 euro di indennità per ogni giorno di servizio. I due progetti finanziati consentiranno ai volontari di confrontarsi con temi di grande attualità come quelli della cooperazione allo sviluppo, dell’inclusione sociale, del turismo responsabile e dell’economia solidale.

Per il presidente delle Acli provinciali di Cagliari, Mauro Carta, quella del Servizio all’estero è “un’esperienza in grado di arricchire i volontari che si mettono in gioco, ancor più dei paesi che ospitano i progetti. I ragazzi, infatti, attraverso la sperimentazione e la pratica sul campo, possono aumentare il loro bagaglio di conoscenze e competenze e quindi crescere sia sul piano umano, sia su quello professionale”.


In questo articolo: