Serramanna esce dall’isolamento, riaperto dopo 10 mesi di lavori il Ponti Nou

Il principale collegamento con il Medio Campidano non è più off limits. Dopo lunghe verifiche e proteste, oggi la riapertura. Il sindaco Lotterà: “Fine dei disagi, era impossibile farsi portare una pizza a domicilio o, cosa più importante, un trasporto in ambulanza”

Dopo dieci mesi riapre il Ponti Nou a Serramanna. Il ponte, pericolante, era stato chiuso all’inizio dell’anno. Dopo varie verifiche e lavori, con a contorno le proteste di tanti residenti, il paese esce dall’isolamento legato alla principale strada di collegamento con il resto del Medio Campidano. Ad annunciarlo è il sindaco Gabriele Littera: “Riapriamo Ponti Nou. Finalmente. Ieri sera le imprese hanno completato i lavori necessari alla riapertura al traffico. Stamattina ho firmato la revoca dell’ordinanza che a gennaio scorso ha vietato transitare sul ponte per il pericolo che si correva. Da gennaio a oggi sono state concluse le verifiche di staticità, è stato valutato possibile ripristinare le condizioni di viabilità in sicurezza, sono stati progettati gli interventi necessari, è stata fatta e aggiudicata la gara per i lavori, sono stati avviati i lavori ed ora sarà nuovamente possibile transitare su Ponti Nou”.
“In questi mesi abbiamo incontrato, scritto, parlato con residenti, agricoltori, prefetto, il comando militare della Sardegna, operai delle diverse ditte coinvolte e loro titolari così come del problema è stata interessata la presidenza della Regione e gli assessorati a Lavori Pubblici, Enti Locali, Agricoltura. Abbiamo dovuto reggere e gestire una campagna antincendio con questa infrastruttura ancora in pericolo e abbiamo dovuto gestire il servizio idrico con altrettante difficoltà. Residenti e agricoltori hanno sopportato enormi sacrifici e disagi, anche per le piccole cose come una pizza a domicilio o per le cose importanti come un trasporto in ambulanza”, ricorda Littera. A tutti coloro che hanno subíto disagi va la mia e nostra comprensione e vicinanza, sapendo che ormai possiamo parlarne al passato.Riaprire oggi è la dimostrazione più forte della caparbietà nostra e della nostra comunità. È la dimostrazione che a Serramanna si possono e si devono ancora fare grandi cose”.


In questo articolo: