Segretari scolastici sardi nel caos: “Contratto fermo da 10 anni e nessuna tutela”

Paola Lecca, da tredici anni, lavora all’istituto Monsignor Saba di Elmas: “Sono una tuttofare, ho dovuto studiare ogni singola pagina del codice dei contratti. Sono totalmente responsabile di ogni singolo euro speso, per il Ministero non esisto”. GUARDATE il VIDEO

Di Paolo Rapeanu

La lamentela principale tocca il portafoglio: stipendio troppo basso. Ma, per assurdo, è l’ultimo dei problemi di un direttore amministrativo scolastico. Gli ex segretari hanno infatti cambiato “titolo” per volontà del Ministero, che però si è “scordato” di tenere un solo corso di aggiornamento. Risultato: caos continuo. “Mi sono ritrovata a dover studiare il codice dei contratti e degli appalti, anche per progetti di pochi soldi la responsabilità è tutta mia”. Paola Lecca, dal 2004, lavora all’istituto comprensivo di Elmas.
“Negli anni sono cambiate tante cose, solo la paga è rimasta la stessa, pure più bassa rispetto a figure professionali di rango inferiore. Non c’è nessuna tutela, mi trattano come una tuttofare e devo anche gestire il personale”, spiega, disperata, la 53enne, “qualunque tipo di competenza ricade sulle mie spalle, e tutto ciò che ho imparato è farina del mio sacco”. Non poteva essere altrimenti, visto che non sono mai partiti gli indispensabili “corsi di aggiornamento del Miur”.


In questo articolo: