Scoperta nelle campagne di Macomer maxi piantagione di marijuana: oltre 2350 piante

Una piantagione con impianto di irrigazione, gruppo elettrogeno, tenda e materiale per curare oltre 2300 piante alte dal metro e mezzo a oltre 2 metri. La vendita avrebbe potuto fruttare oltre un milione di euro sul mercato illegale

I Carabinieri di Silanus ,terminata una mirata attività di indagine svolta anche con prolungati appostamenti, supportati da personale dello Squadrone Carabinieri Eliportato Cacciatori di Sardegna, hanno tratto in arresto E.P., 40 anni di Dolianova,  sorpreso quale “custode” di una vasta piantagione di marijuana nelle campagne di Macomer, in località “Su Macomeresu“.

La piantagione di marijuana, estesa per circa un ettaro e nascosta in naturali declivi e anfratti del territorio, si compooneva di circa 2.380 piante di diverse dimensioni dai 110 ai 220 cm ed oltre, messe a dimora con impianto di irrigazione a gocce.  La definitiva maturazione e messa in vendita delle infiorescenze avrebbe potuto fruttare oltre un milione di euro sul mercato illegale.

La successiva perquisizione dei luoghi ha permesso di trovare inoltre una tenda per bivacco con gruppo elettrogeno ed altro materiale utile in piantagione. Dopo le formalità di rito l’arrestato è stato associato al carcere di Massama dove permarrà anche a seguito della convalida dell’arresto già operata dal Tribunale di Oristano.

Proseguono le indagini dei Carabinieri, sotto l’egida della Procura della Repubblica di Oristano, per individuare anche altri eventuali complici dediti alla coltivazione della piantagione di marijuana e all’approvvigionamento logistico necessario al recupero e messa in vendita dello stupefacente.


In questo articolo: