Scontro CTM-lavoratori, Tocco (FI): “Si decida la ripartizione del tesoretto”

Lo sciopero dei dipendenti Ctm oggi ha paralizzato il capoluogo cagliaritano

“Non si può bloccare un servizio di trasporto pubblico mettendo sotto scacco la città. I lavoratori devono essere ascoltati. E’ necessario che il consiglio di amministrazione apra un tavolo di confronto per ripartire le somme degli utili di bilancio”.

E’ quanto evidenzia il consigliere regionale Edoardo Tocco (FI), sullo sciopero dei dipendenti Ctm che oggi ha paralizzato il capoluogo cagliaritano. A generare lo strappo la diversità di vedute con l’azienda sulla ripartizione del tesoretto da 5 milioni di euro.

“L’assemblea dei soci ha deciso di destinare le risorse agli enti locali – spiega l’esponente degli azzurri – mettendo da parte le esigenze dei dipendenti, con una parte di addetti che attendono l’adeguamento delle condizioni economiche. Si dimenticano, inoltre, gli investimenti sugli autobus per il miglioramento degli standard di qualità sul trasporto dell’area vasta. Una parte dei fondi andrebbe indirizzata poi all’implementazione della sicurezza nei percorsi cittadini”. Da qui l’auspicio: “Mi auguro che i vertici dell’azienda riaprano le trattative con le forze sociali – conclude Tocco – per ottimizzare la ripartizione degli utili, evitando così uno scontro senza precedenti dannoso per i cittadini cagliaritani e dell’area vasta”.


In questo articolo: