Sciabolata di Todde a Soru: “Se non torna con noi aiuta il centrodestra a vincere”

La candidata di 5 stelle Pd alza il tiro e, invece di rispondere all’invito di fare un passo indietro e trovare un candidato unitario, accusa l’ex governatore di favorire gli avversari


Per le ultime notizie entra nel nostro canale Whatsapp

Non risponde alla proposta di Soru di fare entrambi un passo indietro e trovare un candidato unitario, non divisivo e che raccolga i consensi di tutti. Ma lo accusa di favorire la destra e di aiutarla a vincere se non tornerà nello schieramento da lei guidato.

“Soru sa bene che se non aiuta a ricomporre il centrosinistra, fa un grande favore alla destra”, dice Alessandra Todde, deputata dei 5 Stelle, fedelissima di Conte e candidata dalle segreterie nazionali di 5 Stelle e Pd, vicinissima a Elly Schlein, alla presidenza della Regione. “Mentre, nella nostra coalizione, avrebbe un ruolo importante e soprattutto concorrerebbe a cambiare la Sardegna. Una cosa la voglio dire con chiarezza: non accetto i tentativi di screditare il lungo e faticoso percorso della coalizione. Continuo a guardare alle cose che ci uniscono e fino all’ultimo momento lancerò messaggi che puntano all’unità”.

Soru, che si è candidato a capo della Coalizione sarda, proprio per contrastare i metodi che hanno portato alla candidata di 5 stelle e Pd, ha proposto per primo il passo indietro di entrambi sabato scorso, come anticipato in esclusiva da Casteddu online (qui l’articolo). Richiesta respinta al mittente da Todde.

L’ipotesi più probabile, visti anche i tempi strettissimi, è che ormai ognuno vada avanti con il proprio percorso.


In questo articolo: