Scappa dai domiciliari, arriva a Cagliari e aggredisce un gruppo di agenti: senegalese finisce a Uta

L’uomo, senza fissa dimora ma domiciliato a Quartu, ha importunato e spintonato un gruppo di poliziotti in via Roma. Bloccato dopo una lunga colluttazione, è stato rinchiuso in carcere

Un arresto molto movimentato, quello compiuto da un gruppo di agenti della polizia Locale a Cagliari, tra via Roma e via Sassari. I poliziotti hanno bloccato un senegalese, D. I., senza fissa dimora ma domiciliato a Quartu. Le accuse? Resistenza, violenza e oltraggio a pubblico ufficiale. L’uomo, verso le 17:15, si è avvicinato agli agenti e li ha aggrediti verbalmente, prima di spintonarne uno. A quel punto è stato subito immobilizzato con strumenti di contenimento dopo una intensa e persistente resistenza, e arrestato. È stato poi portato al comando di via Crespellani: senza documenti, gli agenti hanno dovuto identificarlo grazie ai classici rilievi fotodattiloscopici effettuati negli uffici della polizia Scientifica.

 

 

Uno degli agenti della polizia Locale è dovuto ricorrere alle cure dei medici del Brotzu per le ferite riportate nella colluttazione. L’autorità giudiziaria è stata informata e per il senegalese si sono aperte le porte del carcere di Uta, a disposizione del pm per il rito di direttissima, previsto nei prossimi giorni.