Scandalo Caritas, Forza Nuova: “Stop accoglienza business”

Anche Forza Nuova esprime il proprio dissenso sul “business” di operatori disonesti

“STOP ACCOGLIENZA BUSINESS ” è lo striscione firmato da Forza Nuova ed affisso nella notte di lunedì 11 gennaio a Cagliari, a pochi metri dalla struttura che accoglie la sede Caritas in via Sant’Ignazio, a pochi giorni dalla notizia della Direzione distrettuale antimafia contro alcuni operatori e società, collaboratori della Caritas diocesana, per un traffico a fini commerciali degli indumenti donati a scopo umanitario da cittadini ed imprese.

“Non ci siamo meravigliati di questa notizia e non escludiamo che il proseguo delle indagini possa rivelare altri aspetti squallidi legati a chi gestisce in malafede il “business” della solidarietà e dell’accoglienza”, così commenta Riccardo Bosa, segretario provinciale di Forza Nuova per Cagliari.

“Forza Nuova da tempo denuncia quanto è accaduto e sta accadendo a Cagliari ed in altri centri d’Italia: cooperative, associazioni o singoli, accreditati presso enti o istituzioni per presunti scopi “umanitari”, distribuiscono servizi ed assistenza (spesso non adeguati e contestati dai destinatari), ottenendo un lucro diretto (come nel caso di Cagliari, dalla vendita nelle bancarelle degli indumenti donati) o indiretto (con i rimborsi statali per le presunte spese sostenute).
Questi operatori disonesti sfruttano le emergenze e le ondate migratorie di questi mesi, con le relative misure eccezionali anche economiche messe in campo, sono una ghiotta occasione per fare business. Un prezzo che la Sardegna, l’Italia e l’intera Europa ormai non possono più pagare”.