Sbarre e lucchetti per impedire ai proprietari l’accesso ai terreni, allevatore denunciato a Guspini

Applicando la legge del più forte, il 55enne si era preso la libertà di apporre recinzioni, sbarre e lucchetti, allo scopo di impedire ai legittimi proprietari di raggiungere i propri terreni.

Sbarre e lucchetti per impedire ai proprietari l’accesso ai terreni, allevatore denunciato a Guspini.

I carabinieri hanno denunciato per inosservanza dei provvedimenti dell’autorità e violenza privata un cinquantacinquenne desulese, residente a Gonnosfanadiga. L’uomo, allevatore, è molto noto alle forze dell’ordine per pregresse vicende giudiziarie. Applicando la legge del più forte, il 55enne si era preso la libertà di apporre recinzioni, sbarre e lucchetti, allo scopo di impedire ai legittimi proprietari di raggiungere i propri terreni, situati in località Campu Scruiddu e Genna Suergiu. Questo per fare in modo di potersene appropriare, per un maggiore sostentamento del gregge di pecore. Tale comportamento scorretto è continuato anche in violazione dell’ordinanza numero 18 del 16 maggio 2023, emessa dal Sindaco del Comune di Gonnosfanadiga, che già gli aveva intimato di rimuovere tutti gli ostacoli, per consentire il libero transito ai legittimi proprietari. La prova di forza, che ha sicuramente diversi precedenti in Sardegna, è stata però documentata dai carabinieri che hanno riferito alla Procura della Repubblica.


In questo articolo: