Sbarca in Sardegna sotto falso nome, ma era stato espulso: algerino in arresto

La Polizia di Stato ha arrestato un cittadino straniero di nazionalità algerina, Zidane Sabri, 20 anni, per aver violato le norme sull’ingresso in Italia in quanto espulso nel 2016

La Polizia di Stato ha arrestato un cittadino straniero di nazionalità algerina, Zidane Sabri, 20 anni, per aver violato le norme sull’ingresso in Italia in quanto espulso nel 2016. L’attività è stata svolta in collaborazione con la Guardia di Finanza.

Nel corso della notte del 21 febbraio la motovedetta della Guardia di Finanza “V.2031” della Sezione Operativa Navale di Sant’Antioco, ha intercettato un barchino a circa 11 miglia circa dalla costa sud dell’Isola con 13 persone a bordo.

Quando l’imbarcazione è giunta nel porto di Sant’Antioco è stato accertato che gli stranieri, tutti di sesso maschile di nazionalità algerina, erano privi di documenti. Dopo aver ricevuto la necessaria assistenza sanitaria sono stati accompagnati presso il centro di accoglienza di Monastir.

La Questura di Cagliari e in particolare l’Ufficio di Polizia dell’Immigrazione per gli Stranieri, con il necessario concorso dei poliziotti del Gabinetto Regionale di Polizia Scientifica, ha svolto le proprie attività nei confronti dei 13 cittadini stranieri al fine di una compiuta identificazione per procedere successivamente, alla verifica della loro posizione sul territorio nazionale.

Gli Agenti dell’Ufficio Immigrazione hanno svolto i consueti accertamenti attraverso la consultazione di diverse banche dati Interforze e dai riscontri dattiloscopici è emerso che uno di questi, Zidane Sabri, era già entrato in Italia nel settembre del 2016 ma con un altro nome, Bousghair Mohamed Sabir, e che era stato espulso dalle autorità italiane.

Accertata quindi la violazione dell’art. 13 comma 13 del D.Lgs. n 286/1998 e successive modifiche, gli investigatori della 2^ Sezione della Squadra Mobile lo hanno arrestato per aver fatto rientro nel territorio italiano prima dei 3 anni senza la speciale autorizzazione del Ministro dell’Interno.

Il processo con il rito della direttissima è previsto nella mattinata odierna.


In questo articolo: