Sarroch dice sì al testamento biologico: registro approvato all’unanimità

Il sindaco Salvatore Mattana annuncia “un atto importante adottato dal Consiglio Comunale nella sua interezza e atteso da molti cittadini”

di Vanessa Usai

 

Il Consiglio Comunale di Sarroch ha approvato all’unanimità il Regolamento che istituisce il registro comunale per il deposito e la conservazione delle dichiarazioni anticipate di volontà sui trattamenti sanitari, il cosiddetto testamento biologico, recependo la legge entrata in vigore il 31 gennaio scorso.

La notizia è stata  annunciata ieri dal sindaco Salvatore Mattana. “Credo che questa legge rappresenti una grande conquista di civiltà, che mira a tutelare il diritto alla vita, alla salute, ma soprattutto alla dignità e all’autoderminazione della persona”, ha dichiarato Mattana, ricordando che sono passati 10 anni dai primi casi che hanno scosso l’opinione pubblica, da Piergiorgio Welby a Eluana Englaro e fino a Dj Fabo. “Le battaglie portate avanti hanno consentito di colmare un grave vuoto normativo e di sancire un grande diritto di civiltà e libertà, quello di una libera scelta e di una morte dignitosa”, aggiunge in sindaco giurista. “Un atto importante – conclude Mattana – adottato dal Consiglio Comunale nella sua interezza e atteso da molti concittadini”.


In questo articolo: