Sarroch, ancora un lavoratore “in nero” scoperto dalla guardia di finanza

Per il datore di lavoro scatta una sanzione amministrativa da un minimo di 1.800 a un massimo di 10.800 euro

Sarroch, lavoratore in nero individuato dalla Finanza.

Le Fiamme Gialle di Sarroch, nell’ambito delle attività di contrasto al lavoro nero ed irregolare, hanno concluso un controllo nei confronti di una impresa edile con sede nel basso Sulcis.

I Finanzieri hanno selezionato il target a seguito della consultazione delle numerose banche dati in uso alla Guardia di Finanza, le cui risultanze sono state poi incrociate con le informazioni acquisite durante le quotidiane attività di controllo economico del territorio, concentrando la propria attenzione su una impresa individuale operante nel settore dell’edilizia, la quale presentava indici di irregolarità.

Nello specifico, l’azione dei Finanzieri è conseguente ad un’attività di controllo in un cantiere edile ove hanno identificato un dipendente e acquisito i dati in ordine al suo profilo d’impiego. 

I successivi riscontri hanno evidenziato che l’uomo risultava impiegato “in nero” in modo saltuario senza la regolarizzazione formale del rapporto di impiego, sia sotto il profilo contributivo che assicurativo, circostanza questa che oltre a costituire illecito amministrativo, non assicura ai lavoratori alcuna forma di tutela ed assistenza in caso di infortunio.

Il datore di lavoro è stato diffidato a regolarizzarne la posizione ed è stato destinatario di una sanzione amministrativa da un minimo di 1.800 a un massimo di € 10.800.


In questo articolo: